COMPRARE UN AUTO USATA: COSA SAPERE

Condividi:

Cosa è importante avere in mente prima di iniziare a cercare un veicolo e cosa considerare nel corso del percorso di acquisto

Se anche voi state pensando di comprare un’auto usata (o di venderne una) sappiate che come voi sono davvero tanti gli italiani che comprano/vendono auto usate.

Questo trend è in continua crescita e nel 2016 valeva ben 19 miliardi di Euro, ossia l’1,1% del PIL.

 

I prodotti di mercato come le automobili hanno una durata di vita sufficiente da consentire questo meccanismo di economia circolare, che in altre parole è il meccanismo di compra-vendita basato su scambi di proprietà del bene.

COSA AVERE IN MENTE PRIMA DI INIZIARE A CERCARE

Quando si parla dell’acquisto di un’automobile, si parla di mettere mano al proprio portafoglio in modo rilevante.

E’ quindi bene partire da alcuni assunti di base importanti da avere chiari in mente, per poter guidare la propria ricerca sul mercato.

Non c’è da meravigliarsi, se dopo un’analisi ponderata dovesse emergere che l’auto desiderata inizialmente non combaci (o solo in parte) con le caratteristiche dell’auto che effettivamente vi serve.

 

  1. Ho in mente il modello di auto preciso che mi interessa, oppure, ho in mente un’idea astratta?

 

La differenza sta in questo: conosco già la marca e il modello del veicolo che voglio e quindi oriento la mia ricerca da subito focalizzandomi su questo (e già avrò in mente un ordine di grandezza di prezzo e di caratteristiche), oppure, ho un’idea di massima sulla tipologia e delle macro caratteristiche che vorrei avesse (ad esempio sapere di volere una station wagon familiare, oppure una jeep 4×4).

 

2 . Ho in mente il budget massimo che ho a disposizione?

 

E’ bene fare un esame di realtà e sapere quale sia il budget massimo che si può investire nell’acquisto del veicolo: in questo modo si potranno settare le ricerche anche basandosi su questo parametro.

 

  1. Ho in mente le mie necessità reali?

 

Il luogo in cui si vive?

Quanti Km si percorrono nell’arco di un mese?

Dove parcheggio di solito il veicolo?

Cosa devo trasportare sul veicolo?

Se si abita in montagna e 5 o 6 mesi l’anno si è soggetti a condizioni meteo sfavorevoli, potrebbe essere il caso di avere un’auto adatta ad affrontare situazioni di strada difficili e quindi prediligere un 4×4.

Se si abita in città e il massimo dello spostamento che si deve compiere è il tragitto “casa, scuola dei figli, ufficio” – con tutti i problemi di traffico e parcheggio correlati – si potrebbe optare per desiderare una macchina di piccole dimensioni.

Se avete degli hobby particolari o avete figli e animali domestici al seguito, anche in questo caso potreste rendervi conto di avere necessità di spazio e comfort da tenere in mente e richiedere nei meccanismi di scelta.

 

PARAMETRI DI VALUTAZIONE ULTERIORI

Se avete risposto alle precedenti domande, oppure, le avevate già in mente, siete pronti per iniziare il processo di ricerca.

Qui potete optare per andare presso le concessionarie e anche cercare su siti online: sempre più diffusi e ben forniti di proposte.

Si tenga presente, che in numerosi casi chi propone i veicoli sui siti online sono anche le concessionarie, oltre ai privati.

Oltre ad alcuni dei punti visti sopra (come ad esempio marca e modello), le domande che più o meno troverete online sono:

  • Numero di Km
  • Anno di immatricolazione
  • Tipologia di carburante (diesel, benzina, gpl, metano, elettrico…)
  • Raggio di azione in cui desiderate trovare il veicolo
  • Numero di porte
  • N di posti a sedere
  • Colore desiderato

Tra le ulteriori domande che potreste trovare vi sono quelle sugli optional: che si suddividono tra sistemi di sicurezza, climatizzazione, aiuto alla guida, sistema di audio, fari, tipologia di pneumatici, e diversi altri punti.

 

OLTRE L’ESTETICA

Se avete adocchiato una serie di veicoli che corrispondono ai desiderati iniziali, potete andarli a vedere più da vicino.

Ognuno di noi ha dei principi di motore di scelta: ci sono persone che seguono maggiormente gli impulsi verso l’estetica del veicolo o il significato che ha quella tipologia di modello (ad esempio, se siete delle persone sportive prediligerete autovetture molto grintose, se siete sobri invece vetture dotate di eleganza).

Altre persone invece sono sintonizzate di più sul lato pratico e cercano di capire cosa abbini al meglio costi e benefici (al di là dell’estetica del veicolo).

 

Un veicolo deve essere valutato secondo questi parametri ma è di grande importanza saper andare oltre e osservare anche:

 

  • Storia del veicolo: quali difficoltà ha presentato nel passato? Ha avuto incidenti? Cosa è stato modificato nel tempo?

 

Oltre al racconto del venditore, potete chiedere di prendere visione della carta di circolazione o del certificato di proprietà per verificare se sono stati eseguiti eventuali interventi e di quale rilevanza.

 

  • Stato della carrozzeria: ci sono imperfezioni o segni?

 

Anche questo parametro può indicare se il veicolo abbia avuto incidenti in passato.

 

  • Manutenzione: a quali ulteriori spese si potrebbe andare incontro acquistando quel veicolo per sistemarlo o mantenerlo?
  • Consumi: quanto consuma in termini di carburante?
  • Per quale motivo è stato messo in vendita?
  • Stato delle pratiche e della documentazione: è correttamente revisionato? Ha eseguito tutti i tagliandi? Come sono risultati i controlli fatti dai tagliandi?
  • Se è a metano o GPL, ha sostenuto le revisioni delle bombole come previsto dalla legge?
  • I pneumatici montati sono della misura omologata?
  • I fari montati sono omologati?

Questa moltitudine di filtri e accorgimenti vi permetterà di segmentare e restringere le possibilità e concentrarvi solo su quello che conta davvero per le vostre specifiche necessità.

TEST DRIVE

Fate sempre un test drive del veicolo.

Se possedete le competenze necessarie per rendervi conto di come funzioni effettivamente il veicolo sul piano meccanico, potete procedere in autonomia.

Altrimenti, chiedete al vostro meccanico di fiducia di aiutarvi in questa ultima fase di valutazione.

Condividi:

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *