PRESSIONE DEI PNEUMATICI: COME CONTROLLARLA?

Condividi:

Prima di partire per le vacanze, una cosa importante da fare e verificare che le gomme siano “ben gonfie”

 

I pneumatici sono una delle parti più importanti per la buona e soprattutto sicura guida sulla strada.

 

Le auto di nuova generazione (prodotte dal 2014 in poi, è obbligatorio per legge) sono dotate dei sensori TPMS (Tyre Pressure Monitoring System), sistemi che controllano la pressione dei pneumatici e avvertono il conducente quando la ruota è troppo sgonfia o è forata.

 

Oltre alla corretta scelta su quali pneumatici utilizzare (leggi maggiori approfondimenti a questo link), occorre anche che siano sempre in buono stato, affinché l’auto abbia sempre la migliore aderenza alla strada possibile.

 

La prima considerazione da fare è che siano sempre alla corretta pressione, in altre parole “ben gonfi”.

Ogni modello di auto ha un proprio riferimento in termini di pressione minima e pressione massima che gli pneumatici devono avere.

 

Potete verificare questa sul manuale d’utilizzo (rilasciato dalla casa automobilistica) in base alle persone e al carico trasportato.

Va anche considerato il modello di pneumatico utilizzato.

 

Una volta scoperta quale debba essere la corretta pressione, in quale modo possiamo verificare se la pressione delle nostre gomme sia ok?

 

Il miglior modo di procedere è di rivolgersi al proprio gommista di fiducia.

In alternativa, potete recarvi presso un’area di servizio carburante attrezzata che effettui anche il servizio di controllo della pressione del veicolo.

 

Se invece siete dotati di un compressore, che abbia l’aggancio al manometro, allora potete anche procedere in autonomia.

 

Un altro parametro che riguarda la l’acquaplaning e che deve essere sempre di altezza ottimale è il battistrada, il quale è bene che sia sempre di almeno 4 mm affinché l’auto viaggi con una corretta aderenza all’asfalto.

 

Questo ci permetterà anche di prevenire fenomeni come l’acquaplaning, fenomeno assai frequente soprattutto a causa degli intensi ed imprevedibili acquazzoni estivi.

Condividi:

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *