SCONTO DEL 30% SULLA MULTA

Condividi:

Se la multa stradale viene pagata entro 5 giorni si ha diritto ad uno sconto del 30%, ma come conteggiare il weekend?

Se il pagamento della multa viene effettuato entro 5 giorni dalla contestazione o notificazione del verbale, si ha diritto ad uno sconto del 30% sul totale da versare.

Ma, come si contano i 5 giorni?

Se la multa ci viene spedita a casa mentre siamo in vacanza e andiamo a ritirare la raccomandata in posta, è ancora possibile usufruire dello sconto?

 

IL NUMERO DI MULTE IN ITALIA

Dieci milioni di multe l’anno, più di 26mila al giorno, 1.087 l’ora, 18 ogni minuto: questa la raffica di sanzioni che gli italiani al volante trasformano ogni anno in più di un miliardo di euro.

Le sanzioni sono ormai oltre il limite della tolleranza: è stato calcolato che in Italia paghiamo per le multe 274 euro ogni mille abitanti (compresi neonati, gente che non ha la patente o che non guida mai…) con incredibili punte come quello della Liguria dove si pagano 618,7 euro per mille abitanti.

PERCHE’ E’ STATO INTRODOTTO LO SCONTO?

Sebbene le multe servano, in primo luogo, per cercare di aumentare la sicurezza stradale – secondo il principio “rispetta le regole e tutti vivremo meglio” – il carico monetario di questi interventi è davvero alto per il portafoglio della popolazione.

Si potrebbe pensare che questa normativa (vigente dal 2013 ma che non tutti conoscono), che consente un piccolo beneficio sul totale da versare, se appunto si provvede a pagare la multa entro 5 giorni, sia una manovra pensata per dare un po’ di sollievo al portafoglio del popolo.

La verità, è che oltre il 30 per cento degli italiani non pagava le multe, chi impugnando il verbale innanzi al Prefetto o al Giudice di pace, chi aspettando la cartella esattoriale.

Tutti, in ogni caso, aspettavano l’ultimo giorno utile per saldare la contravvenzione, con effetti disastrosi sul gettito fiscale, sul contenzioso e sulla gestione delle cartelle da far riscuotere a Equitalia.

Per dare delle cifre in numeri, nel 2016 i Comuni italiani hanno riscosso solamente un miliardo di euro, derivati dalle multe, contro i 2,5 dovuti da quanti non avevano rispettato le regole stradali, cioè il 38,8%

La soluzione quindi è stata questa, introdotta nel 2013 dal proclama politico: “Entrate certe per i Comuni e premio per automobilisti virtuosi”.

 

TUTTE LE MULTE BENEFICIANO DELLO SCONTO?

Purtroppo no.

Non si ha diritto allo sconto del 30% se la multa:

  • Non beneficia dello sconto (viene espressamente riportato sul verbale)
  • E’ di natura penale (esempio, guida in stato di ebbrezza)
  • Implica la confisca del veicolo, fatta eccezione per la guida in assenza di regolare assicurazione
  • Prevede la sospensione della patente

Per sapere quali siano le multe che beneficiano del 30% di sconto, consultate questo link al sito Ministeriale: LINK

COME CONTEGGIARE I 5 GIORNI

Si tratta di 5 giorni, a decorrere dal giorno seguente della multa.

 

Calcolo semplice

Poniamo che la multa sia stata fatta di sabato. Sabato conta come giorno zero.

Il primo giorno è quindi domenica, il secondo lunedì e così via sino a giovedì che è il quinto giorno e termine utile per usufruire dello sconto.

Quindi in questo caso, la multa deve essere pagata entro giovedì che è il 5° giorno

 

Calcolo con scadenza nei giorni festivi

Poniamo che la multa sia stata fatta di Martedì. Martedì conta come giorno zero.

Il primo giorno è quindi Mercoledì, il secondo Giovedì e così via sino a domenica che è il quinto giorno e termine utile per usufruire dello sconto.

Ma siccome in questo esempio il termine ultimo per il pagamento cade di domenica, giorno festivo, il termine slitta al primo giorno feriale successivo, che in una settimana “normale” (ossia priva di festività particolari) è il lunedì.

 

Calcolo con ricezione a casa

Se la multa viene recapitata a casa, le regole sono differenti.

Il calcolo dei 5 giorni varia in funzione di come la multa viene recapitata, ossia se tramite posta, Pubblico Ufficiale, avviso di giacenza o altro.

Per avere certezza se lo sconto sia applicabile o meno: contattate l’autorità che ha redatto il verbale.

Analizziamo il caso in cui abbiate ricevuto un avviso di giacenza perchè vi trovavate in vacanza e quindi non avete potuto prendere la multa via raccomandata, direttamente nel medesimo giorno di consegna.

  1. Se il verbale viene ritirato presso l’ufficio postale entro i primi 10 giorni dall’avviso di giacenza, i 5 giorni si iniziano a calcolare dal giorno successivo a quando il verbale viene ritirato;
  2. Se invece, il verbale viene ritirato passati i primi 10 giorni dell’avviso di giacenza, dall’undicesimo giorno si iniziano a scalare i 5 giorni di bonus.

Detto in altre parole, se rientrate dalle vostre vacanze 16 giorni dopo l’avviso di giacenza, anche se andate subito a ritirare il verbale con l’intenzione di pagare la multa, i 5 giorni di bonus per usufruire dello sconto sono scaduti il quindicesimo giorno, ossia il giorno prima.

Condividi:

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *