AGGIORNAMENTO VALORI EFFICENZA FRENANTE VEICOLI
  • crafe
    Messaggi: 75
    Iscritto il: 04/11/2011, 14:28
    Contatta:

    AGGIORNAMENTO VALORI EFFICENZA FRENANTE VEICOLI

    da crafe » 10/01/2012, 17:16

    Ciao ragazzi del forum!!!!!
    Apro un nuovo argomento su un'aggiornamento importantissimo, inserisco questa
    "circolare Prot. 266 del 5 Gennaio 2012 Nuove soglie del provafreni", che cambia alcuni importanti valori nel panorama dei controlli sui veicoli, e nello specifico va ad adattarsi ai nuovi veicoli immatricolati dopo il 31/12/2011, che rispettano per l'appunto la
    DIRETTIVA 2010/48/UE
    ( http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/Lex ... 072:IT:PDF ) .

    Si vuole porre l’attenzione al fatto che con Decreto Prot. N. 11A15056 del 13 ottobre 2011, pubblicato nella G.U., serie generale n° 271 del 21 novembre, concernente il controllo tecnico dei veicoli a motore, sono stati aggiornati i limiti di riferimento relativi alla prestazione ed efficienza dell’impianto frenante dei veicoli (vedi elementi 1.2, 1.3 e 1.4 riportati al paragrafo 4 dell’allegato II del succitato Decreto).
    Le nuove disposizioni si applicano a decorrere dal 31 dicembre 2011 e, in particolare, si precisa che sino a quando non si sarà provveduto ad adeguare i software che gestiscono le prove di frenatura, sarà cura del responsabile tecnico sincerarsi della conformità
    delle efficienze frenanti in base alle nuove disposizioni. In questi casi è fatto obbligo riportare sul PCStazione, nelle note del file ACC, la seguente dicitura:
    “ESITO CONFORME ALLE DISPOSIZIONI DELLA DIRETTIVA 2010/48/UE”.
    Si ricorda in proposito che è compito del Responsabile Tecnico attribuire l’esito complessivo della revisione tramite il PCStazione, anche sovvertendo, ove siano riportate evidenti motivazioni, l’esito dedotto solitamente in automatico da apparecchiature e software.

    Seguiranno ulteriori aggiornamenti su questo argomento.
  • federico
    Messaggi: 114
    Iscritto il: 09/11/2011, 11:38
    Contatta:

    Re: AGGIORNAMENTO VALORI EFFICENZA FRENANTE VEICOLI

    da federico » 11/01/2012, 14:03

    di seguito un ulteriore chiarimento relativa alla circolare in questione



    MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI
    DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE
    ED I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI
    Direzione generale per la motorizzazione


    Prot. n. R.U. 36120
    Roma, 29 dicembre 2011

    OGGETTO: DM 13 ottobre 2011 recante recepimento della Direttiva 2010/48/UE della Commissione che adegua al progresso tecnico la direttiva 2009/40/CE concernente il controllo tecnico dei veicoli a motore - CHIARIMENTI.

    Si fa seguito alla più recente circolare sull'argomento, prot. R.U. 31750 del 10 novembre 2011 (7), per fornire alcuni ragguagli in merito alle attività da porre in essere in sede di revisione dei veicoli a motore e loro rimorchi.
    Tanto si rende necessario in virtù delle richieste di chiarimento pervenute a questa sede da parte degli operatori del settore, interessati alla corretta applicazione delle disposizioni del DM 13 ottobre 2011 (1) di cui all'oggetto, anche relativamente all'obbligatorietà della fossa di ispezione o del ponte sollevatore richiamata dalle precedenti circolari ed integralmente confermata in questa sede: ed invero, la puntuale previsione - in taluni punti dell'allegato II alla direttiva 2009/40/CE (2), come modificato dalla direttiva 2010/48/UE (3) - dell'una o dell'altro, non configura altre forme possibili per l'espletamento dei controlli tecnici ivi previsti.
    Tanto ribadito, si richiama ancora l'attenzione sulla circostanza che, con riferimento a quanto previsto al Punto 5 "Assi, ruote, pneumatici e sospensioni", la Direttiva in esame non prevede perentoriamente l'utilizzo di dispositivi di rilevazione, raccomandandone piuttosto l'uso: sotto tale profilo si rimanda al vigente regolamento che già prescrive la presenza di piastre prova giochi nelle linee di revisione.
    Ottemperando alle predette istruzioni, le operazioni relative al controllo tecnico di che trattasi ben possono essere svolte, a far data dal 1 gennaio 2012, in conformità alle modalità prescritte dall'allegato II suddetto, residuando solo due profili di temporaneo disallineamento che di seguito si illustrano.
    Sotto il primo profilo, con riferimento al Punto 2.1.1 "Stato dello sterzo", le nuove disposizioni prescrivono, in alternativa, l'utilizzazione di un sistema di sollevamento dell'asse, così da scaricarlo della massa su di esso gravante, ovvero il ricorso ad una " piastra mobile".
    Pur consapevoli di dover assicurare, nel minor tempo possibile, adeguata rispondenza anche di tale prova alle nuove prescrizioni, non può non considerarsi che la stessa richiede un'opera di investimento da parte di tutti gli operatori del settore che abbisogna - per la reperibilità della strumentazione idonea nonché delle risorse finanziarie - di tempi ben più lunghi di quelli che intercorrono tra la pubblicazione del DM in parola (G.U. 21.11.2011) e la data di applicabilità delle sue disposizioni, che da normativa comunitaria è fissata al 1.1.2012.
    Pertanto, al fine di non impedire l'erogazione dell'attività di revisione di che trattasi - con indesiderabili effetti sulla sicurezza della circolazione dei veicoli nonché in termini di responsabilità dei conducenti ex articolo 80 CdS - si stabilisce che, in via assolutamente transitoria - e nelle more della definizione di un termine che sarà tempestivamente comunicato con successiva circolare - l'esame visivo della scatola dello sterzo sarà effettuato secondo le modalità attualmente in uso (antecedenti dunque a quelle poste sullo specifico punto 2.1.1 dal DM 13 ottobre 2011 (1)), che a tutt'oggi hanno comunque assicurato sufficiente oggettività nella valutazione dell'esito della specifica prova, in relazione ai motivi di esito negativo indicati dallo stesso punto 2.1.1.
    Sotto secondo profilo, con riferimento al Punto 1.2 del più volte citato Allegato Il si intende meglio precisare quanto già disposto con circolare Prot. n. R.U. 26638 del 21 settembre 2011 (4), in materia di banchi prova-freni a rullo, per veicoli di massa massima autorizzata superiore a 3.500 kg.
    Come nella predetta circolare rappresentato, la prova delle prestazioni e di efficienza dei freni dei veicoli summenzionati - disciplinata al Punto 1.2. del più volte citato Allegato II, (ed in specie, con riferimento all'efficienza dei freni, dal punto 1.2.2) - ha richiesto l'adeguamento delle regole tecniche per l'omologazione dei citati banchi, in precedenza dettate con circolare prot. 7690/699 del 16 dicembre 1999 (5).
    A tal fine questa Amministrazione, avviata la procedura di informazione per l'aggiornamento della regola tecnica presso Commissione Europea e decorsi i termini per l'acquisizione di eventuali osservazioni, ha emanato decreto del D.G. prot. RD 607 del 19 settembre 2011 (6), recante "Capitolato tecnico di omologazione del banco prova freni a rulli per veicoli di massa complessiva superiore a 3.5 t.".
    Con ulteriore circolare (prot. R.U. 26638 del 21 settembre 2011 (4)), inoltre, al fine di consentire opportuno adeguamento delle dotazioni già esistenti di apparecchiature, sono state disposte le "Norme tecniche per l'adeguamento dei banchi prova freni a rullo per veicoli di massa complessiva superiore a 3.5 t. in uso e approvati nel tipo ai sensi della Circolare prot. 7690/699 del 16 dicembre 1999 (5) e s.m.i.".
    In ragione della tempistica suddetta in relazione alla data posta dalla Direttiva 2010/48/UE (3) di applicazione delle disposizioni in essa contenute - ed in considerazione delle medesime circostanze e finalità già indicate con riferimento al punto 2.1.1 - in via assolutamente provvisoria, si stabilisce di riconoscere un ragionevole lasso di tempo affinché i costruttori delle apparecchiature possano richiederne l'omologazione e procedere aIla loro commercializzazione ovvero gli operatori possano procedere ad adeguare quelle delle quali già dispongono.
    Con successiva circolare sarà tempestivamente comunicato il termine ultimo a tal fine accordato.

    IL DIRETTORE GENERALE
    dott. arch. Maurizio Vitelli

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite