Riconoscere vetro oscurato da origine con lettera V
  • arna84
    Messaggi: 25
    Iscritto il: 14/02/2012, 10:21
    Contatta:

    Riconoscere vetro oscurato da origine con lettera V

    da arna84 » 05/04/2012, 9:53

    ciao! girando un po nelle info riguardanti i vetri posteriori delle auto oscurati in origine, e vedere di coneguenza se dobbiamo chiedere il certificato di omologazione delle pellicole o meno al cliente, si nota come sopra il tondino dell omologazione si trova la lettera V che attesta un coefficiente di trasmissione luminosa del vetro in questione inferiore al 70%. in questo caso la macchina nasce con quel tipo di vetro oscurato in origine. Ma io mi chiedo, tutte le auto e anche moto che hanno in origine i vetri oscurati, hanno la lettera V sopra l omologazione, che attesta l effettiva originalità del entità tecnica indipendente in questione??! e quindi se il vetro oscurato non ha questa lettera bisogna per forza chiedere il certificato di omologazione?
  • Roberto
    Messaggi: 21
    Iscritto il: 26/07/2012, 9:15
    Contatta:

    Re: riconoscere vetro oscurato da origine con lettera V

    da Roberto » 21/09/2012, 10:50

    vero, anch'io sto dubbio come si fa realmente a sapere se quel veicolo nasce con i vetri oscurati
  • crafe
    Messaggi: 75
    Iscritto il: 04/11/2011, 14:28
    Contatta:

    Re: riconoscere vetro oscurato da origine con lettera V

    da crafe » 01/10/2012, 12:06

    Ciao ragazzi, allora, se se solo se sul cristallo è installata una pellicola deve essere richiesta la certificazione e l'omologazione della pellicola stessa, altrimenti trattasi di cristallo oscurato fin dalla nascita e anche senza la lettera V non deve essere chiesto nulla al clinete....di questo ne sono sicuro, nella mia azienda trattiamo anche i cristalli.
  • federico
    Messaggi: 114
    Iscritto il: 09/11/2011, 11:38
    Contatta:

    Re: riconoscere vetro oscurato da origine con lettera V

    da federico » 01/10/2012, 19:52

    vi accorgete subito se un vetro nasce oscurato perché non è una pellicola ma il vetro e oscurato di suo . vi accorgete subito perché guardando il bordo superiore del vetro oscurato da pellicola noterete il bordo che è leggermente libero da pellicola per potersi chiude bene senza rovinarsi subito.
  • Tonino
    Messaggi: 26
    Iscritto il: 11/07/2012, 9:50
    Contatta:

    Re: riconoscere vetro oscurato da origine con lettera V

    da Tonino » 05/10/2012, 9:18

    Anche noi seguiamo il criterio di Federico. Il vetro oscurato fin dall'origine si riconosce subito con un po di attenzione.
  • Roberto
    Messaggi: 21
    Iscritto il: 26/07/2012, 9:15
    Contatta:

    Re: riconoscere vetro oscurato da origine con lettera V

    da Roberto » 05/10/2012, 13:45

    Infatti in due casi distinti mi e' successo di vedere la V nell'ovale di omologazione del vetro, quindi se nasce dalla casa la V e d'obbligo senno' se sussistono delle seghettature nelle finiture vetro vuol dire che sono pellicole aftermarket e devono avere il certificato di omologazione.
  • cece78
    Messaggi: 39
    Iscritto il: 27/03/2012, 9:50
    Contatta:

    Re: riconoscere vetro oscurato da origine con lettera V

    da cece78 » 08/10/2012, 11:48

    Ha ragione Federico, con un minimo di occhiata vi accorgete immediatamente se sono pellicole oppure vetri scuri. ;)
  • denis78
    Messaggi: 52
    Iscritto il: 03/04/2012, 10:09
    Località: VI
    Contatta:

    Re: Riconoscere vetro oscurato da origine con lettera V

    da denis78 » 14/02/2014, 9:57

    Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - Circolare Prot. n. 1680/M360 del 8 maggio 2002
    Applicazione di pellicole adesive sui vetri dei veicoli.



    MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

    DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI E PER I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI

    Direzione generale della motorizzazione e della sicurezza del trasporto terrestre



    Prot. n. 1680/M360

    Roma, 8 maggio 2002

    OGGETTO: Applicazione di pellicole adesive sui vetri dei veicoli.

    La materia non è regolata da norme internazionali né da norme comunitarie che prevedano l'omologazione di dette pellicole quali entità tecniche indipendenti, nè risultano allo studio, sia in sede internazionale che comunitaria, normative specifiche in tal senso.

    Tuttavia, nell'ambito dello Spazio economico europeo alcuni Paesi hanno adottato norme nazionali che disciplinano l'approvazione di dette pellicole nonché la loro installazione sui vetri dei veicoli.

    Lo Stato Italiano, invece, ha ritenuto di non adottare norme nazionali, rinviando la regolamentazione della materia alla eventuale emanazione di normative comunitarie.

    Non c'è dubbio, d'altra parte, che secondo il principio della libera circolazione delle merci, sancito dagli art. 28-30 del Trattato che ha istituito la Comunità europea, non è possibile vietare la commercializzazione di un prodotto approvato in un altro Stato membro e quindi liberamente circolante nel suo territorio.

    Pertanto, nel caso in esame, non possono non essere accettate pellicole applicate ai vetri laterali posteriori e al lunotto posteriore dei veicoli approvate da altri Stati membri della Comunità europea o da Stati aderenti allo Spazio economico europeo, fermo restando il rispetto dei campi di visibilità previsto dalle norme comunitarie.

    Conseguentemente, in sede di visita e prova di revisione, ove venisse riscontrata l'applicazione delle suddette pellicole, dovrà essere verificato:

    1) che sulle pellicole sia apposto il marchio identificativo del costruttore delle pellicole medesime;

    2) che dette pellicole siano state omologate per il vetro sul quale sono state applicate. A tale scopo dovrà essere esibito un certificato di omologazione, costituito all'estero, dal quale risulti che le pellicole montate siano state approvate per lo specifico tipo di vetro su cui sono state applicate. L'installatore dovrà certificare che il vetro, ovviamente di tipo omologato, ha lo spessore previsto in sede di approvazione delle pellicole.

    Sulla base delle prescrizioni contenute nelle direttive 92/22/CE (vetri di sicurezza), 71/127/CEE (specchi retrovisori) e 77/649/CEE (campo di visibilità anteriore) non è consentita l'applicazione delle pellicole in argomento né sul parabrezza né sui vetri laterali anteriori; inoltre, l'applicazione sul lunotto posteriore, è ammessa solo a condizione che il veicolo sia allestito con specchi retrovisori esterni su ambo i lati.

    E' appena il caso di precisare che l'applicazione di pellicole adesive sui vetri dei veicoli non comporta l'aggiornamento della carta di circolazione a norma dell'art. 78 del Codice della strada.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti