Schemi freno di soccorso
  • Bizio84
    Messaggi: 9
    Iscritto il: 07/04/2012, 8:34
    Contatta:

    Schemi freno di soccorso

    da Bizio84 » 10/04/2012, 8:15

    Salve vorrei sapere se esiste un database da consultare riguardo lo schema del freno di soccorso per gli autoveicoli, in alternativa come si può capire che tipo di impianto monti una vettura. io so che se dalla pompa escono tre o più tubi non è un impianto a T però non so di più.
    Grazie
  • PaoloBitta
    Messaggi: 27
    Iscritto il: 11/04/2012, 14:08
    Contatta:

    Re: Schemi freno di soccorso

    da PaoloBitta » 12/04/2012, 21:01

    Buongiorno Bizio

    Per quanto riguarda il database che cerchi non saprei aiutarti, non si trova molto in internet. Io personalmente controllo sempre visivamente il tipo di impianto del freno di soccorso perché almeno sono sicuro di quello che vedo.

    Dunque, diciamo subito che attualmente sulla maggioranza dei veicoli in circolazione è installato l'impianto a XX (conosciuto anche come K o semplicemente X). E' facile trovare comunque anche impianti a TT (o semplicemente T) e in alcuni casi anche ad HT.

    Vorrei tralasciare momentaneamente il discorso legato ai tubi che escono dalla pompa perché molto spesso possono ingannare.

    L'impianto a XX è il più semplice da individuare perché sollevando il veicolo, spostando la tua attenzione all'asse posteriore vedrai due tubi distinti che arrivano dalla pompa e finiscono direttamente ai cilindretti o alle pinze a seconda che il freno sia a tamburo o a disco (tra pompa e cilindretti/pinze potresti trovare il correttore di frenata ma comunque sia ad esso devono arrivare e partire sempre due tubi). Di solito quasi tutte le utilitarie, station wagon, alcuni veicoli industriali ecc ... immatricolate dopo il 2000 (a parte la panda vecchia versione fino al 2003) hanno un impianto a XX. La Punto è un esempio lampante.

    Dalla pompa all'asse posteriore di un impianto a TT invece arriva SEMPRE un tubo, il quale ad un certo punto si dirama in due vie grazie ad una diramazione a T (una entrata e due uscite). Se devo farti un esempio di vetture che montano questo tipo di impianto posso citarti la vecchia Y10 (che ha il correttore), la panda terzultimo modello (quello venduto fino al 2003) ma anche alcuni camioncini o alcuni camper.

    IMPORTANTE !!!! se all'asse posteriore arriva un solo tubo è molto probabile che sia un impianto a TT ma non è comunque sicuro al 100 % . E' possibile infatti trovare anche tra i veicoli più comuni (anche se parliamo quasi esclusivamente di alcuni fuoristrada, camioncini o camper) impianti di tipo HT.
    E' molto facile anche in questi casi capire che ti stai trovando di fronte ad un impanto HT perché:
    - all'asse posteriore arriva un solo tubo che si dirama in due vie;
    - ad ogniuna delle pinze anteriori arrivano due tubi freno.

    Sui veicoli molto datati è possibile che il freno di soccorso sia coincidente con il freno di stazionamento. Un modo per capirlo è quello di controllare che sulla carta di circolazione sia specificato "Freno di soccorso tipo meccanico" quindi azionato meccanicamente grazie alla leva del freno di stazionamento.

    Negli impianti TT, HT e "coincidente col freno di stazionamento" si deve prendere in considerazione anche lo squilibrio dinamico per le ruote agenti sullo stesso asse.

    Il principio infatti è molto semplice. Le pompe dei veicoli moderni sono a "doppia mandata" ossia sono costituite da due stantuffi che mandano liquido freno in pressione a due circuiti indipendenti (in questo modo nel caso in cui uno di questi circuiti dovesse andare in avaria l'altro potrebbe in modo limitato e momentaneo garantire l'arresto del veicolo).

    In un impianto a XX uno stantuffo della pompa manda liquido freno ad un circuito che collega i freni della ruota ant. DX con la post. SX mentre l'altro stantuffo manda liquido freno al circuito che collega i freni dell'ant. SX alla posteriore DX (in modo incrociato, da quì la X).

    In un impianto a TT invece uno dei due stantuffi della pompa manda liquido ai freni delle due ruote anteriori mentre l'altro alle due posteriori (è per questo che a volte possono scaturire problemi visto che le ruote posteriori hanno una forza frenante inferiore di quelle anteriori).

    Nell'impianto HT invece uno stantuffo manda liquido ad un circuito che collega i freni di tutte e quattro le ruote mentre l'altro circito manda liquido solo alle due anteriori (è praticamente impossibile che un veicolo che ha almeno il 50% di efficenza frenante del freno di servizio non arrivi al 22,5% o 25% richiesto per legge per il freno di soccorso).

    Altre tipologie di impianto (meno frequenti da trovare) sono:
    - LL → un circuito collega i freni delle due ruote anteriori e della posteriore DX mentre l'altro sempre le due anteriori e la posteriore SX (vedrai due tubi ad ogniuna delle pinze anteriori e due tubi indipententi arrivare all'asse posteriore e finire uno al cilindretto di destra e l'altro a quello di sinistra);
    - HH → ogni circuito collega tutte e quattro le ruote (ad ogni freno arrivano due tubi).

    Perché può essere forviante fidarsi ciecamente dei tubi che partono direttamente dalla pompa?
    Per due motivi:
    Il primo è perché non è detto che ad esempio in un impianto a T escano per forza solo due tubi. E' possibile infatti che dallo stantuffo che manda liquido alle due posteriori vi sia una sola uscita mentre da quello che manda liquido alle due anteriori vi siano due uscite: una per l'anteriore destra e una per l'anteriore sinistra

    Il secondo è perché In presenza di un impianto ABS dalla pompa all'ABS escono solo due tubi.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite