AUTO A GPL O IBRIDA?

Condividi:

Cosa conviene maggiormente nella scelta di acquisto di un’auto nuova?

I sistemi di alimentazione dei motori delle auto oggi sono davvero tanti.

Oltre ai carburanti come Diesel e Benzina, si sono affermati i gas GPL e Metano che hanno dato vita alle diffuse auto “Bi-Fuel”.

Da qualche anno le auto elettriche si sono imposte come convincente novità (ne abbiamo parlato spesso nei nostri articoli) e quindi oggi si parla di auto “Ibride”.

La nuova frontiera pare sia l’alimentazione a Idrogeno. Ma di questo ne parleremo in modo dedicato in un altro articolo.

Restando sul capitolo “Bi-Fuel Versus Ibride” si apre un vasto elenco di aspetti da considerare, che si suddividono tra costi, tecnica, prestazioni ed anche visioni ambientaliste presenti e future. E per altro ognuno di questi punti è destinato ad evolvere in positivo o in negativo, in funzione dell’evoluzione stessa di queste tecnologie automobilistiche.

In termini di vendite, l’anno 2018 ha visto un brusco calo delle vendite delle auto a Metano in favore di una grossa crescita delle vendite di auto ibride.

Inoltre l’altro parametro mercatistico è che i modelli bi-fuel maggiormente venduti sono stati quelli a base benzina e non diesel.

Le vetture a gasolio restano le più vendute in assoluto, in comparazione con questi altri modelli che cercano di avere una vocazione anche maggiormente ambientalista.

Anche se è previsto a livello Europeo un taglio della produzione delle autovetture a Diesel da qui ai prossimi 10-15 anni.

La scelta quindi di spostarsi verso le auto alimentate a gas (con preferenza del mercato verso il GPL) oppure elettriche, ha al centro anche un mandato ecologico: cercare di incidere sulla diminuzione dell’inquinamento e sulla limitazione delle emissioni di polveri sottili.

Nel nostro paese questo è un tema centrale: la Pianura Padana è la regione di europa più inquinata d’Europa.

Quindi, se nel 2019 voleste comprare un’auto nuova o usata, verso quale modello di base sareste maggiormente propensi?

Partiamo dalla caratteristica comune: entrambi i modelli hanno un motore termico a benzina.

Nelle auto ibride il motore termico è affiancato da un motore elettrico, mentre nei modelli a gas il motore è unico e cambia solo la tipologia di alimentazione nel corso dell’esercizio.

Ma vediamo meglio questi aspetti caso per caso.

COS’E’ IL GPL

Il GPL – come indica la sua sigla e nome “gas di petrolio liquefattiè un gas derivante dal Petrolio, differentemente dal Metano che è un gas se stante a tutti gli effetti.

Il GPL è dunque un gas inquinante (seppur meno inquinante rispetto alla benzina o al diesel), rispetto al Metano, ma è più performante del Metano sul piano delle prestazioni di guida.

Essendo un derivato del petrolio subisce le fluttuazioni del prezzo del petrolio.

Inoltre, il motore alimentato a GPL deve bruciare di più per muoversi, di conseguenza il consumo di GPL è più alto se paragonato al consumo di Benzina o Diesel.

Tuttavia, il prezzo del GPL è il 60% in meno rispetto a Benzina o Diesel.

Nell’arco dell’anno 2018-2019 in Italia il prezzo del litro di GPL è stato di circa 0,69 centesimi/litro.

L’altra caratteristiche di cui tenere conto è relativa allo spazio in auto.

Il GPL richiede una bombola se stante, che deve inoltre essere revisionata ogni 10 anni per garantire la sicurezza dei viaggiatori, secondo il regolamento ECE/ONU 67/01.

Di solito la bombola viene apposta nel vano della ruota di scorta, oppure sotto il sedile posteriore, oppure nel porta-bagagli, con la possibilità di sottrarre spazio utile all’interno del veicolo (circa il 20%).

QUALI SONO I MODELLI IBRIDI

Le auto ibride sono congegnate al fine di utilizzare la minor quantità di benzina possibile.

A seconda della tipologia di ibrido, l’automobilista può scegliere se usare il motore a batteria o quello a carburante, oppure automaticamente l’auto darà la precedenza a quello a zero emissioni per poi passare al motore tradizionale quando si scarica la batteria. In altri casi, sulle mild-hybrid, il motore elettrico è soltanto di supporto e si ricarica autonomamente nelle decelerazioni.

Chiaramente il motore elettrico oltre ad incidere sulle emissioni che sono abbattute quasi a livello zero, incide anche sul rumore dell’auto.

Seppur si dica di base “auto ibrida”, i modelli sono diversi.

Mild Hybrid

Le vetture Mild Hybrid (o ibride leggere) presentano un sistema propulsivo composto da un’unità termica (tradizionalmente alimentata a benzina), una elettrica, e una o più batterie agli ioni di litio che alimentano proprio il motore.

Full Hybrid

Nelle auto dotate di sistemi Full Hybrid (HEV, Hybrid Electric Vehicle) vi è sempre un motore di combustione e motore elettrico, alimentato da una batteria agli ioni di litio. La differenza rispetto alle Mild Hybrid sta nel fatto di poter viaggiare pochi chilometri in modalità del tutto elettrica, qualora le condizioni lo permettessero e il livello di carica della batteria lo permetta.

Come per le Mild Hybrid i sistemi Full Hybrid recuperano energia in decelerazione e in frenata, in modo tale che la batteria (più grande rispetto alle Mild e con più energia) possa essere sempre carica e quindi possa alimentare il motore elettrico da utilizzare nelle fasi di accelerazione.

Plug-Hybrid

Le Plug-Hybrid sono le ibride più complete e complesse. L’auto ibrida elettrica plug-in (PHEV, Plug-in Hybrid Electric Vehicle) è un tipo di auto a propulsione ibrida le cui batterie possono essere caricate anche senza l’ausilio del motore a combustione interna, utilizzando cioè una fonte di energia elettrica esterna, collegata attraverso un cavo (nella maggior parte dei casi già in dotazione al momento dell’acquisto), che può essere quella presente nel box di casa o la colonna di ricarica pubblica in strada. Questi sistemi sono dotati di un’autonomia soltanto in elettrica, molto più estesa rispetto alle Full Hybrid: vi sono circa 50 chilometri di autonomia in modalità completamente elettrica (o più con i nuovi moelli di mercato). Una volta che le batterie sono scese sotto un livello di carica, non permettendo più la marcia soltanto in elettrico, si comportano esattamente come le Full Hybrid, unendo quindi da una parte il motore termico a quello elettrico.

TOTALMENTE ELETTRICA

Esistono poi anche i modelli Elettrici BEV.

L’auto elettrica (BEV – Battery Electric Vehicle) è equipaggiata esclusivamente con un motore elettrico alimentato da batterie che consente in questo modo di eliminare totalmente la presenza del propulsore termico. La principale differenza tra un’auto ibrida ed una elettrica riguarda prima di tutto la necessità, per la seconda, di dover ricaricare le batteria della vettura collegandosi a una rete elettrica. Ad oggi l’autonomia media è di 300 km, ma l’evoluzione tecnologica permetterà di aumentare notevolmente il range.

 

I PRO DEL GPL E AUTO BI-FUEL

Rifornimento Si risparmia molto rispetto a Benzina e Diesel

 

Il self-service per ora è una modalità presente solo in alcuni paesi esteri come la Francia e alcune regioni della Spagna. Ma presto potrebbe essere disponibile anche nel nostro paese

Ambiente diminuzione delle emissioni del 50% di anidride carbonica e del 20% – 30% di polveri sottili
L’assenza di benzene e piombo è ottima sul piano ecologico
Blocchi traffico Nelle maggior parte delle città si può circolare sempre anche nei giorni di blocco del traffico
Esoneri Tasse Se l’auto è alimentata esclusivamente a gas si possono avere detrazioni fiscali sino al 75% (Riguardano la riduzione dell’Imposta Provinciale di Trascrizione al momento dell’immatricolazione e l’importo del bollo. Le agevolazioni cambiano da regione o provincia di residenza)

 

I CONTRO DEL GPL E AUTO BI-FUEL

Consumo Il consumo maggiore di gas e una conseguente riduzione di autonomia rispetto alle automobili alimentate a benzina o gasolio
Manutenzione I costi sono leggermente superiori:

–       Occorre cambiare il filtro ogni 20.000 km

–       Il serbatoio deve essere sostituito ogni 10 anni

–       Le valvole necessitano di controlli e addittivi

Prestazioni Nel tempo le prestazioni alla guida decadono e il guidatore dovrà adattarsi nella guida
Rifornimento Non tutti i distributori sono dotati del GPL e il self service in Italia non è ancora stato introdotto

 

I PRO DELLE AUTO IBRIDE

Ecologia ●        Riduzione dei consumi;

●        Riduzione delle emissioni di CO2

●        Riduzione dei rumori

Agevolazioni ●     Sconti sulle RCA con molti brand assicurativi

●     Esenzione dal pagamento del bollo in alcune regioni

 

I CONTRO DELLE AUTO IBRIDE

Prezzo di acquisto Costano il 40% in più rispetto alle auto alimentate da carburanti classici
Manutenzione In generale richiedono una manutenzione molto più costosa.

La batteria se deve essere sostituita può avere costi molto elevati

Ricarica Le colonnine per la ricarica sono ancora pochissime nel nostro paese
Lunghe percorrenze Inadatte per coloro che devono fare tanti kilometri specialmente in autostrada
Smaltimento batterie Se da un lato è vero che le ibride abbattano le emissioni (breve periodo), dall’altro si apre il grosso problema dello smaltimento delle batterie, che inciderà comunque sull’inquinamento (lungo periodo)

 

QUINDI COSA SCEGLIERE?

Non esiste una risposta univoca valida per ognuno.

Quelli descritti e presentati sono alcuni tra i parametri di cui tenere conto nella fase di scelta di acquisto.

Che si guardi all’aspetto ecologico o meramente a quello economico, è bene considerare e calcolare quale utilizzo si faccia dell’auto nella propria vita presente e dei prossimi 4-6 anni.

Le tecnologie automobilistiche evolvono rapidamente, così come le regole di circolazione nei centri abitati, dunque probabilmente non conviene fare progetti che superino questa soglia di tempo.

Gli stop alla circolazione che valgono oggi, potrebbero essere riaggiornati domani, con limitazioni superiori (per approfondimenti si prenda visione di questo nostro altro articolo su questo tema).

L’acquisto di un’auto elettrica richiede un investimento maggiore, ma questo può essere riassorbito grazie alla diminuzione dei costi di rifornimento.

Anche se ciò è vero solo se si utilizza l’auto in un certo modo e se si ha la possibilità di avere la batteria sempre carica.

Un altro tema è relativo ai modelli di auto.

Non tutti i modelli di auto sono dotati di impianto GPL (da modello nuovo), seppur l’impianto GPL possa essere montato secondariamente sulla maggior parte delle auto ad un costo non eccessivo.

Allo stesso modo le auto elettriche più economiche sono disponibili solo per determinati brand, mentre i top gamma di mercato hanno prezzi ancora molto elevati, seppur integrino poi funzionalità davvero uniche.

Condividi:

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *